Lagorai Cima D'Asta

From OpenStreetMap Wiki
Jump to: navigation, search

M(')appare Il Lagorai - Cima d’Asta

- Le mappe libere di OpenStreetMap come strumento di conoscenza e promozione delle specificità di un territorio -
Un progetto di crowdfunding ideato da Carla Bortolotti (geografa) e Giorgio Zampedri (geologo)


Lagorai - Cima d'Asta

"Un viaggio nel tempo e nello spazio dentro un paesaggio fra i più vasti ed emozionanti della catena alpina;

Lagorai dodici sottogruppi di un'unica montagna costruita dal fuoco delle eruzioni vulcaniche e caratterizzta ora da quasi un centinaio di laghi, gli <<aurai>> d'alta quota;

Lagorai e Cima d'Asta paesaggi che contengono una profonda lezione di storia sconvolti dalla guerra e riscattati dalla natura." Franco de Battaglia 1989


Il sistema Lagorai – Cima d’Asta si trova nella parte orientale della provincia di Trento, compreso tra la valle di Fiemme e del rio Travignolo a nord e la Valsugana a sud. Il confine orientale si trova nel passo Rolle mentre ad ovest si chiude con l’Argentario. In esso troviamo diverse specificità tra cui le caratteristiche geologiche rappresentate per la gran parte da un substrato porfirico di particolare interesse e rispetto al quale si distingue il gruppo di Cima d’Asta di natura granitica. Il carattere naturale spicca appena ci si accinge a queste montagne coperte per buona parte da boschi e da paesaggi con flora e fauna che ben rappresentano la storia geologica e l’appartenenza alla catena alpina. Nell’area individuata troviamo, soprattutto nella parte più orientale, diversi spazi tutelati come parco ed anche come zona di importanza comunitaria (SIC). Questo spazio è uno spazio vissuto sia dal punto di vista turistico che come base per costruire un’economia locale legata alla montagna, con attività connesse a tutti i settori economici. A partire dalle risorse locali si possono tracciare delle reti tra gli elementi per dare impulso ad uno sviluppo partecipato basato su una strategia più unificata ma soprattutto maggiormente consapevole del proprio territorio. Si legge quindi la necessità di uno strumento per conoscere, da noi individuato nella cartografia partecipata, che si offre al contempo come metodo di scoperta ma anche come fonte di know how per lo sviluppo individuale e collettivo.

Mappe di OpenStreetMap (OSM)

L'utilizzo degli strumenti OSM ha come obiettivo principale quello coinvolgere attivamente gli abitanti della Comunità del Lagorai Cima D'Asta nel processo di mappatura e permetterà di produrre cartografia digitale utilizzabile liberamente sul web per la promozione territoriale sostenibile: anche attraverso lo sviluppo di applicazioni dedicate alla valorizzazione di itinerari esistenti definiti sulla base della viabilità secondaria, della rete sentieri e della rete ciclopedonale.

Cosa vogliamo fare ?

  • realizzare la “Mappa del Lagorai Cima d’Asta”: ovvero la costituzione di un patrimonio informativo digitale opendata per condividere un patrimonio di conoscenze utilizzabile per la valorizzazione del territorio del Lagorai Cima d’Asta. La familiarità e la pratica quotidiana dei luoghi da parte delle persone e il legame emotivo degli “abitanti” verso il loro territorio sono i criteri privilegiati per individuare gli elementi da mappare;
  • realizzare una cartografia digitale dedicata alla valorizzazione degli elementi culturali e naturalistici del comprensorio Lagorai Cima d’Asta;
  • creare uno strumento di supporto allo sviluppo di una forma di turismo “socialmente promossa” e orientata ad un tipo di accoglienza turistica che possa
assecondare le indicazioni della Comunità del Lagorai Cima d'Asta;
  • creare una community di utenti OpenStreetMap del Lagorai – Cima d’Asta;
  • incentivare il riuso dei dati geografici;
  • abbattere i costi di produzione della cartografia digitale e favorire la diffusione della cartografia digitale libera.

Chi vorremmo coinvolgere ?

  • Tutti i mappatori OSM;
  • Abitanti e appassionati del Lagorai Cima d'Asta;
  • Comuni e Comunità di Valle;
  • Fondazione FBK;
  • MUSE;
  • SAT;
  • APT e Pro loco;
  • Soprintendenza per i beni culturali della PAT;
  • Servizio sviluppo sostenibile e aree protette della PAT;
  • Associazioni (culturali, sportive …) ed Enti territoriali;
  • Rete degli Ecomusei del Trentino ed Ecomusei presenti nel sistema Lagorai Cima d'Asta.

Quali saranno i benefici e per chi?

  • Per le Amministrazioni:
attraverso la sensibilizzazione da parte delle associazioni presenti sul territorio ed anche in seguito alle azioni attualmente in atto da parte della Provincia Autonoma di Trento sul tema “open data”, i Comuni e le Comunità di Valle si troveranno a disposizione un nuovo strumento per guardare e conoscere il proprio territorio e raccogliere spunti sulla base delle esigenze che la comunità evidenzierà nella raccolta dei dati.
  • Per le associazioni presenti sul territorio:
attraverso la formazione offerta dal progetto, le associazioni presenti sul territorio acquisiscono un know-how che permette loro di creare mappe personalizzate e di usufruire dei diversi servizi che la comunità internazionale di OpenStreetMap produce quotidianamente.

Quali sono i temi trattati?

Tutti quelli utili a rappresentare il territorio del Lagorai Cima d'Asta e a descriverne l’identità. Da questo punto di vista tutto il materiale utilizzato per la pianificazione territoriale come il PUP, i Piani Territoriali di Comunità e i PRG comunali potrà essere riutilizzato e i temi da affrontare nell'elaborazione della mappa saranno relativi a:

  • i paesi e le frazioni: le case, le piazze, le fontane, gli slarghi, i lampioni, i parcheggi, i parchi gioco, le panchine...;
  • le aree agricole e forestali: le coltivazioni, le rogge, i muri di contenimento, le serre, le aree rimboschite, i pascoli ...;
  • le emergenze paesaggistiche e ambientali;
  • le aree naturali protette;
  • le testimonianze della Grande Guerra;
  • le tracce dell'attività estrattiva del passato;
  • i manufatti rurali e religiosi (“albi”, crocifissi, capitelli);
  • i punti panoramici;
  • gli alberi monumentali, i biotopi, i torrenti;
  • le infrastrutture e servizi di pubblica utilità: attività commerciali negozi, centri sportivi, scuole, biblioteche;
  • I percorsi della mobilità dolce: le strade secondarie, i sentieri e gli itinerari ciclabili.

Come partecipare

1) dando la disponibilità a collaboare come mappatore OSM

2) aderendo al Comitato promotore con il modulo di adesione

3) sottoscrivendo la raccolta fondi sulla piattaforma di crowdfunding (.....)

Per info e contatti

Discutiamone su [Talk-it-trentino] thread M'appare il Lagorai Cima D'Asta

o via e-mail a:

Giorgio Zampedri (Landgeo) giorgio.zampedri@tin.it

Carla Bortolotti bortolotticarla@gmail.com

Persone interessate

Aggiornamenti

  • Sabato 17 ottobre 2015 a Vignola Falesina in collaborazione con l'Associazione Filò Mapping party dedicato agli itinerari escursionistici;
  • Mercoledì 9 e sabato 12 dicembre 2015 in collaborazione con Ecomuseo Argentario Mapping party dedicato alle canope e ai cadini del monte Calisio (Argentario);
  • Venerdì 15 e sabato 16 gennaio 2016 Mapping party a Pergine dedicato ai palazzi dell'antico distretto minerario di Pergine
  • Nel giugno 2016 si è costituito il comitato promotore M(')appare il Lagorai Cima d'Asta (a breve sarà pubblicato lo Statuto)
  • 11 giugno 2016 Intervento di presentazione del Comitato M(')appare il Lagorai Cima d'Asta durante l'evento 'Portobeseno' a Castel Beseno intitotato 'Mappe e beni collettivi (digitali)'
  • Giovedì 23 giugno 2016 Intervento durante la Giornata del paesaggio 2016 alla Casa dell'ecomuseo a Canal San Bovo, serata intitolata 'Dalla geografia alla geomania'
  • Sabato 1 e domenica 2 ottobre 2016 Mapping party a Pieve Tesino dedicato alla mappatura dell'Arboreto del Tesino-Giardino d'Europa
  • Sabato 15 e domenica 16 ottobre 2016 Mapping Party a Canal San Bovo presso la Casa dell'Ecomuseo con mappatura dell'Anello dell'Acqua e nei dintorni di Canale

Appuntamenti