IT:Roof modelling

From OpenStreetMap Wiki
Jump to: navigation, search
Lingue disponibili — Roof modelling
· Afrikaans · Alemannisch · aragonés · asturianu · azərbaycanca · Bahasa Indonesia · Bahasa Melayu · Bân-lâm-gú · Basa Jawa · Basa Sunda · Baso Minangkabau · bosanski · brezhoneg · català · čeština · corsu · dansk · Deutsch · eesti · English · español · Esperanto · estremeñu · euskara · français · Frysk · Gaeilge · Gàidhlig · galego · Hausa · hrvatski · Igbo · interlingua · Interlingue · isiXhosa · isiZulu · íslenska · italiano · Kiswahili · Kreyòl ayisyen · kréyòl gwadloupéyen · Kurdî · latviešu · Lëtzebuergesch · lietuvių · magyar · Malagasy · Malti · Nederlands · Nedersaksies · norsk bokmål · norsk nynorsk · occitan · Oromoo · oʻzbekcha/ўзбекча · Plattdüütsch · polski · português · română · shqip · slovenčina · slovenščina · Soomaaliga · suomi · svenska · Tagalog · Tiếng Việt · Türkçe · Vahcuengh · vèneto · Wolof · Yorùbá · Zazaki · српски / srpski · беларуская · български · қазақша · македонски · монгол · русский · тоҷикӣ · українська · Ελληνικά · Հայերեն · ქართული · नेपाली · मराठी · हिन्दी · भोजपुरी · অসমীয়া · বাংলা · ਪੰਜਾਬੀ · ગુજરાતી · ଓଡ଼ିଆ · தமிழ் · తెలుగు · ಕನ್ನಡ · മലയാളം · සිංහල · བོད་ཡིག · ไทย · မြန်မာဘာသာ · ລາວ · ភាសាខ្មែរ · ⵜⴰⵎⴰⵣⵉⵖⵜ ⵜⴰⵏⴰⵡⴰⵢⵜ‎ · አማርኛ · 한국어 · 日本語 · 中文(简体)‎ · 中文(繁體)‎ · 吴语 · 粵語 · ייִדיש · עברית · اردو · العربية · پښتو · سنڌي · فارسی · ދިވެހިބަސް

Suggerimenti per il ricalco degli edifici in Potlatch 2 sulla base delle immagini Bing.

Queste indicazioni si riferiscono a Potlatch 2 e alle ortofoto di Bing. A prescindere dai dettagli nell'uso dell'editor i metodi suggeriti si possono applicare anche a tutti gli altri editor, come JOSM e Merkaartor, e a tutte le altre ortofoto, come quelle del PCN.

Autore: Marek Strassenburg-Kleciak

Nota

Dopo la tracciatura, non dimenticare di aggiungere un building-Tag al contorno (nella lista a sinistra)!

Per la tracciatura degli edifici usare solamente il livello di zoom che offre più dettagli.

Per gli utenti di Potlach2: si consiglia di disattivare la funzione "hell", perché rende più difficoltoso il ricalco:

Potlatch 2 - Rysowanie budynków 01.png

Ricalco di un edificio semplice

Vogliamo ricalcare la geometria della pianta con la maggior precisione possibile:

Potlatch 2 - Rysowanie budynków 01.jpg

Elementi dell'immagine che ne aiutano l'interpretazione:

1. In nero l'ombra dell'edificio
2. In azzurro la forma del tetto

Dopo aver ricalcato il contorno del tetto, lo trasliamo in modo che l'angolo ben visibile dell'edificio (nella foto, l'angolo inferiore sinistro) tocchi il bordo dell'ombra (nel disegno, il contorno bianco):

3. Direzione verticale (qui ben visibile; se non lo fosse, ricavare la direzione dall'osservazione degli edifici limitrofi) - Freccia blu

Considerazioni sul criterio di costruzione

Gli edifici vengono spesso concepiti e costruiti basandosi sugli angoli retti. La realizzazione di muri perimetrali paralleli e verticali semplifica la costruzione e ne riduce il costo, mediante l'utilizzo di componenti standardizzati (es: la struttura del tetto) e una produzione e montaggio semplificati, inoltre per l'occupante significa che i mobili si adattano agli angoli delle stanze. Tuttavia, non tutti gli edifici sono costruiti ad angoli retti. Esempi ne sono le vecchie costruzioni, l'intenzionale rinuncia agli angoli retti, per esempio, negli edifici di rappresentanza, come pure i vincoli derivanti dalle particolarità urbanistiche locali (ad esempio, costruzioni sugli angoli, quando le costruzioni sono parallele alle strade e le strade, per motivi topologici, storici o altri, non si incrociano ad angolo retto).

Pertanto, nell'interpretazione di fotografie aeree di cattiva qualità, è consigliabile verificare se l'edificio è costruito ad angoli retti. La conoscenza dell'architettura e della storia dell'insediamento sono utili, ma spesso non irrinunciabili.

Attenzione: Le costruzioni hanno spesso assi di simmetria!

MarekSymmetryModelling.jpg

4x and 2x symmetry

Funzione "Make right-angled" (Ortogonalizza)

Potlatch 2 incorpora una funzione che permette di ortogonalizzare un poligono chiuso, tuttavia per il momento tale funzione produce buoni risultati solo con forme costruttive piuttosto semplici:

Potlatch 2 - Rysowanie budynków 04.jpg

Pertanto per ortogonalizzare edifici dalla forma più complessa bisogna ricorrere ad alcune astuzie.


Astuzie

Tracciare più edifici identici.

Potlatch2 non incorpora ancora una funzione "copia e incolla", la limitazione è comunque aggirabile: si può usare la funzione "Create parallel way" (traccia linea parallela) per creare una copia dell'edificio tracciato. Se si ingrandisce fortemente l'immagine dell'edificio, è possibile ricalcarne una copia praticamente identica all'originale. In molti insediamenti si incontrano in continuazione edifici identici e paralleli. Se la qualità della fotografia aerea non è soddisfacente, possiamo ricalcare il più precisamente possibile l'edificio meglio visibile, e continuare a lavorare usandolo come modello.


Scomporre degli edifici esistenti in più edifici.

MarekDivisionOfBuildingInSubsegments.jpg

1. Cliccare sul bordo dell'edificio.

2. Inserire su un lato i punti in cui il bordo andrà spezzato.

3. Tracciare una linea di costruzione che passa per tali punti e per l'angolo dell'edificio. La piegatura all'estremità serve per facilitare la rimozione delle linea di costruzione (la rende più semplice da cliccare)...

4. Creare una copia parallela della linea di costruzione. Deve giacere all'esterno dell'edificio, possibilmente a distanza. MarekCreateParallelWay.jpg

5. Tracciare delle linee passanti per i punti delle linee di costruzione descritte in figura 4 e 3, in modo da tagliare i lati opposti dell'edificio.

6. e 7. Rendere rettilinee le linee in figura 5 utilizzando il comando "Straighten way" MarekStraightenWay.jpg

8. Spezzare il contorno dell'edificio in corrispondenza dei nuovi punti, tracciare il contorno dei singoli edifici e rimuovere le linee di costruzione. MarekSplitWay.jpg

9. Risultato.

Ricalcare piante dalla forma complessa.

Potlatch 2 non incorpora ancora alcuna funzione CAD. Tuttavia, tracciando parecchie linee di costruzione (utilizzando il comando "Create parallel way" -traccia linea parallela ;MarekCreateParallelWay.jpg),

si riesce a creare un buon modello per una relativamente precisa interpretazione del profilo dell'edificio:

Potlatch 2 - Rysowanie budynków 05.jpg

Utilizzo pratico: tracciamo un grande contorno lungo i lati principali e lo trasformiamo in rettangolo (con il comando "Make right-angled" - ortogonalizza - ; MarekMakeRightAngled.jpg).

Copiamo tale rettangolo fino a creare tutte le linee di costruzione (tra loro parallele o ad angolo retto) necessarie. Trasliamo le linee di costruzione sui lati della pianta del tetto, e le usiamo come guida per tracciare il profilo del contorno.

Potlatch 2 - Rysowanie budynków 06.jpg

Dopo la tracciatura del contorno, cancelliamo ovviamente tutte le linee di costruzione...

Risultato

Potlatch 2 - Rysowanie budynków 07.jpg
Potlatch 2 - Rysowanie budynków 08.jpg

"Raddrizzamento" dei muri perimetrali di edifici vicini

utilizzando la funzione: "straighten way"

Condizione iniziale: abbiamo alcuni edifici vicini (qui per esempio delle vecchie costruzioni del centro). Vediamo che dei muri perimetrali degli edifici, che in realtà sono in linea retta, nel disegno formano tuttavia una linea "quasi" retta. Per rettificare questi bordi, tracciamo una retta di costruzione che viene toccata da tutti i punti di questo tracciato. E' necessario che almeno una estremità di questa linea retta stia al di fuori dei muri da allineare:

1ProstowaniePogietychSasiadow.JPG
Clicchiamo l'opzione "straighten way" per rettificare i bordi degli edifici.
2ProstowaniePogietychSasiadow.JPG

Piante degli edifici dopo l'esecuzione del comando "straighten way":

3ProstowaniePogietychSasiadow.JPG


Risultato dopo la cancellazione della linea retta di costruzione:

4ProstowaniePogietychSasiadow.JPG

"Raddrizzamento" di parte di un edificio

Talvolta si incontrano edifici nei quali è evidente che una parte è stata disegnata malamente. Esaminiamo l'esempio seguente:

MarekProstowaniePrzyklad0.jpg Lungo il lato più lungo del profilo (che potrebbe essere disegnato correttamente perchè visibile al meglio nella foto aerea) tracciamo una linea di costruzione (in nero) che passa per i 4 punti della pianta. Come nell'esempio precedente, la raddrizziamo con il comando "straighten way".

MarekProstowaniePrzyklad1.jpg Creiamo una copia della linea di costruzione (tasto di scelta rapida "P" - make parallel way), e la trasliamo in modo che tocchi un punto del profilo dell'edificio. Scegliamo noi quale punto o posizione del profilo è "quello giusto" per questa seconda linea di costruzione.

MarekProstowaniePrzyklad2.jpg Risultato.

MarekProstowaniePrzyklad3.jpg Per effettuare il raddrizzamento tracciamo ora una TERZA linea di costruzione che ha origine in un punto del profilo dell'edificio (nel nostro caso, nel punto più a sinistra). La parte difficile è ora stabilire dove posizionare l'ULTIMO punto di questa linea di costruzione.

MarekProstowaniePrzyklad4.jpg Colleghiamo ora l'ultimo punto della terza linea con l'ultimo punto della SECONDA linea.

MarekProstowaniePrzyklad5.jpg La terza linea di costruzione appare come nel disegno. La raddrizziamo con il comando "Straighten way"

MarekProstowaniePrzyklad6.jpg Risultato.

MarekProstowaniePrzyklad7.jpg Potremmo usare la prima linea di costruzione per ulteriori raddrizzamenti del profilo, creandone delle copie e tracciando delle ulteriori linee perpendicolari in diversi punti del profilo.

MarekProstowaniePrzyklad8.jpg


Disegno di un lungo edificio ad andamento serpeggiante in Potlatch2

La tracciatura di lunghi caseggiati, costruiti lungo una polilinea con molti cambi di direzione, è spesso fonte di errori.

Molti utenti regolano l'ingrandimento in modo da vedere sullo schermo l'intero edificio, e ne tracciano poi il contorno, ottenendo così una scarsa precisione. E' difficile soprattutto tracciare degli angoli retti sui lati corti dell'edificio.

E' possibile operare disegnando una linea doppia con Potlatch 2:

è preferibile disegnare dapprima il lato più lungo dell'edificio, successivamente creiamo una copia di tale polilinea con il comando "create paralell way" (tasto di scelta rapida P).

2LamanyBudynek.jpg


Otteniamo una seconda polilinea "parallela" alla prima, e soprattutto con le estremità corrispondenti delle due polilinee disposte ad angolo retto. Allunghiamo le polilinee in modo che si tocchino. Poi, mantenendo premuto il tasto "ctrl" selezioniamo entrambe le polilinee.

3LamanyBudynek.jpg

Successivamente clicchiamo sul pulsante "merge ways" Polaczdrogi.jpg

per unire le due polilinee in una linea unica, che successivamente viene convertita in un edificio applicando le etichette appropriate:

5LamanyBudynek.jpg


Disegno di piccole sporgenze nella facciata

Talvolta nel profilo dell'edificio abbiamo a che fare con sporgenze nella facciata, piccole ma ben visibili. Sono difficili da tracciare, perchè sebbene sia facile vedere dove cominciano, ai livelli di zoom più elevati scompare lo sfondo. Con Potlatch 2 si può procedere come segue:

MarekUskokBudynku1.jpg Problema: una piccola sporgenza nella facciata

MarekUskokBudynku2.jpg Inseriamo nel profilo dell'edificio due nuovi punti, in corrispondenza dell'inizio e della fine della facciata.

MarekUskokBudynku3.jpg Usando il tasto di scelta rapida x tagliamo la polilinea in corrispondenza di questi punti.

MarekUskokBudynku4.jpg Utilizzando il comando "make parallel way" creiamo una copia del segmento risultante nella posizione corretta

MarekUskokBudynku5.jpg Cancelliamo il segmento originario e colleghiamo il nuovo segmento al profilo dell'edificio.

MarekUskokBudynku6.jpg Utilizzando il comando "merge ways", uniamo tutti i vettori in un'unica polilinea.

MarekUskokBudynku7.jpg Key:building, value:yes -> otteniamo il risultato voluto.

Bisogna tuttavia anche osservare che qui è stato ricalcato il tetto. Bisogna ora traslare l'edificio in alto e a sinistra, come visibile dalla proiezione dell'ombra.

Miglioramento dei settori circolari

La tracciatura di edifici che includono settori circolari è difficile, e le imprecisioni sono ben visibili.

MarekOkraglaPrzybudowka0.jpg Situazione iniziale.

MarekOkraglaPrzybudowka1.jpg Inizialmente la forma circolare viene riprodotta con un quadrilatero.

MarekOkraglaPrzybudowka2.jpg Con il comando "Make circular" il quadrilatero viene trasformato in un cerchio.

MarekOkraglaPrzybudowka6.jpg Ripetiamo il procedimento per il secondo cerchio. Tracciamo due rette di costruzione.

MarekOkraglaPrzybudowka7.jpg Spezziamo il profilo dell'edificio e cancelliamo la parte tracciata in modo approssimativo.

MarekOkraglaPrzybudowka8.jpg Ricalchiamo entrambi i cerchi e segmenti di costruzione.

MarekOkraglaPrzybudowka10.jpg Cancelliamo i cerchi e i segmenti di costruzione.

MarekOkraglaPrzybudowka11.jpg Risultato.

Disegnare un'ellisse

L'ellisse è una forma costruttiva rara, ma è anche vero che si nota quando viene disegnata male.

La seguente figura illustra il principio di costruzione:

Vengono tracciati quattro cerchi di costruzione, i segmenti circolari tangenti all'ellisse vengono ritagliati e connessi.


MarekDomNaElipsie1.jpg MarekDomNaElipsie2.jpg MarekDomNaElipsie3.jpg

MarekDomNaElipsie4.jpg MarekDomNaElipsie5.jpg MarekDomNaElipsie6.jpg

Risultato dopo la connessione dei segmenti circolari:

MarekDomNaElipsie7.jpg

Esempio di procedura di costruzione dell'ellisse

Per definire entrambi i cerchi in modo più preciso si può usare la tradizionale costruzione dell'ellisse a partire dalla geometria rappresentata. Prima dell'avvento delle tecniche CAD, per la costruzione dell'ellisse veniva utilizzata questa tecnica, poichè produceva buoni risultati:

MarekEliptycznyStadionHowToDo14.jpg

I punti P1 e P2 sono i centri dei cerchi, la costruzione speculare viene usata per disegnare entrambi gli altri centri...


MarekEliptycznyStadionHowToDo1.jpg Vogliamo disegnare questa superficie dello stadio.

MarekEliptycznyStadionHowToDo2.jpg Disegniamo un rettangolo circoscritto. Disegniamo le due diagonali per trovare il centro del rettangolo, possiamo così disegnare le linee di mezzeria perpendicolari passanti per il centro.

MarekEliptycznyStadionHowToDo3.jpg Abbiamo ottenuto quattro rettangolini identici. Tracciamo la diagonale mancante del rettangolino. Dal vertice superiore destro tracciamo una retta ortogonale alla diagonale del rettangolino.

MarekEliptycznyStadionHowToDo4.jpg Il punto di incrocio tra questa retta e la linea di mezzeria del rettangolo circoscritto è il centro del cerchio piccolo. Nel disegno è visibile come punto rosso.

MarekEliptycznyStadionHowToDo5.jpg Tracciamo a mano, molto grossolanamente, un poligono chiuso ("cerchio") avente il centro circa coincidente con il centro del cerchio piccolo precedentemente ricavato.

MarekEliptycznyStadionHowToDo6.jpg Trasformiamo il poligono in un cerchio, con la funzione precedentemente descritta.

MarekEliptycznyStadionHowToDo7.jpg Se riteniamo che il "cerchio" abbia troppo pochi punti, ne aggiungiamo altri, poi trasliamo il "cerchio" nella posizione corretta. Se è troppo piccolo oppure troppo grande, ne creiamo una copia della grandezza corretta e cancelliamo il "cerchio" precedente.

MarekEliptycznyStadionHowToDo8.jpg Tagliamo il "cerchio" a metà, e trasliamo un semicerchio nella posizione corretta.

MarekEliptycznyStadionHowToDo9.jpg Con analoga procedura, costruiamo e dimensioniamo il "cerchio" più grosso.

MarekEliptycznyStadionHowToDo10.jpg Come nel penultimo punto, tagliamo il centro a metà e trasliamo un semicerchio nella posizione corretta.

MarekEliptycznyStadionHowToDo11.jpg Costruiamo i raccordi tra i "cerchi".

MarekEliptycznyStadionHowToDo12.jpg Risultato della costruzione.

MarekEliptycznyStadionHowToDo13.jpg Risultato renderizzato.

Utilizzo di cerchi concentrici

Per alcuni oggetti può essere utile la realizzazione di cerchi concentrici:

MarekKoncentryczneOkregi1.jpg Disegno originale

MarekKoncentryczneOkregi2.jpg Disegniamo un nuovo poligono lungo il corpo principale della costruzione e lo trasformiamo in un cerchio. Affinchè il cerchio sia veramente arrotondato anzichè spigoloso, aggiungiamo dei nuovi punti. Fare attenzione che il comando "Make circular" solitamente sposta la posizione del centro. Pertanto è necessario rispostarlo in posizione corretta.

MarekKoncentryczneOkregi3.jpg Moltiplichiamo la polilinea circolare risultante con il comando "make parallel way". In questo esempio sono necessari altri 2 cerchi di costruzione.

MarekKoncentryczneOkregi4.jpg Adattiamo ai cerchi di costruzione i pezzi di costruzione corrispondenti.

MarekKoncentryczneOkregi5.jpg Risultato

L'uso delle diagonali

Die Technik hilft beim Nachzeichnen der Objekte mit der Symmetrieachse wenn wir möglichst gleiche Proportion der linken und rechten Seite haben wollen.

Die zwei Diagonalen eines Rechteckes bilden seine Mitte:

MarekLetterTrick0.jpg

Durch die Mitte können wir die beiden Symmetrieachsen des Rechteckes zeichnen:

MarekLetterTrick1.jpg

Wollen wir die Spiegelung eines beliebigen Punktes innerhalb des Rechteckes finden müssen wir ihn (parallel zu einer der Symmetrieachsen) auf eine der Diagonalen projizieren. Am einfachsten geht das indem wir eine der Seiten des Rechteckes multiplizieren und den Schnittpunkt mit der Diagonale festlegen:

MarekLetterTrick2.jpg

...danach zeichnen wir den Punkt als Schnittpunkt mit der zweiten Diagonalen:

MarekLetterTrick3.jpg

MarekLetterTrick4.jpg

Mit dieser Konstruktionstechnik können wir (theoretisch) beliebige Formen spiegeln. Natürlich ist diese Technik sehr aufwendig.

MarekLetterTrick5.jpg

In der Praxis kann man diese Technik verwenden, wenn eine Seite ses Grundrisses der offensichtlich eine Symmetrieachse besitzt, teilweise verdeckt oder schlechter sichtbar ist (Zum Beispiel Schrägluftbild). Dadurch eignet sich dieser Ansatz zum Nachmodellieren wichtiger Bauwerke mit der Symmetrieachse:

Esempio: Costruzione di un piano di pavimento della chiesa, utilizzando l'asse di simmetria

Da in dem Beispiel sehr viele Arbeitsschritte vorhanden sind, ist die Beschreibung auf einer Wiki Unterseite zu finden: Roof_modelling_symmetric_objects

Errori tipici nell'interpretazione del tetto da un'immagine aerea

Errore di traslazione del tetto

Il contorno del tetto viene ricalcato con precisione

A drawing of outline.jpg

Ma il contorno viene spostato su un punto sbagliato (errore frequente).

B bad moving of roof shape.jpg

Si sarebbe dovuto traslarlo come in figura:

C good moving.jpg

Errata interpretazione di un tetto a due falde

Le estremità del colmo del tetto NON sono punti della pianta dell'edificio!

E don t use this point for drawing.jpg

Errata interpretazione di un tetto inclinato

I tetti inclinati sono di per se stessi un caso per cartografi esperti. Siccome l'inclinazione spesso non è a prima vista evidente, la superficie viene interpretata come segue:

K 6 Pitched roof bad interpretation.jpg

Successivamente si usa il comando "Make right-angled" (Ortogonalizza) ottenendo come risultato:

K 7 Pitched roof bad interpretation by change to rectangle.jpg

Sfortunatamente, si cominciano ad avere dubbi solo quando si nota che il lato del tetto ortogonalizzato non è parallelo al lato dell'ombra proiettata (se visibile).

Approccio giusto:

K8 Pitched roof interpretation with description.jpg
  • Cominciamo tracciando le due linee di intersezione ben visibili tra muri esterni e terreno (polilinea: A-B-C)
  • la polilinea A-B-C viene spostata nella posizione Y-X-F (il punto F è ben visibile).
  • Questo ci permette di disegnare la linea F-G.
  • Concludiamo la costruzione disegnando la linea G-Y.

In questo caso sarebbe stato corretto individuare due lati ben visibili della casa, tracciarli a livello del terreno e successivamente sollevarli fino ad incontrare il lato del tetto. Così diventa possibile determinare con precisione la lunghezza del lato del tetto (sotto nel disegno) e chiudere il profilo.

Edifici con altezze diverse

Il ricalco di edifici con parti con altezze diverse è particolarmente problematico, sopratutto in casi dove l'edificio è parzialmente coperto da edifici vicini o alberi. Alle volte l'unica soluzione applicabile è quella difficoltosa descritta di seguito.

1. Si disegna la parte più alta dell'edificio.

G2differentheights.jpg

2. Il profilo appena disegnato viene spostato in basso, finchè tocca la superficie più bassa accanto.

Hmovingofhigherpartdown.JPG

3. La prima area disegnata ci mostra la posizione dei punti supplementari P, non visibili nell'ortofoto, che ci serviranno per la costruzione del secondo profilo.

IsumofbothpartA.JPG

4. Dopo il ricalco del secondo profilo uniamo le due aree e spostiamo in basso il risultato con l'aiuto di un angolo visibile del piano terra.

Jfinalsum.JPG

Ricalco di edifici su terreno in pendio

Quando un edificio si trova su un terreno in forte pendenza

Lterrain1.jpg

il ricalco del profilo ad altezza del terreno porta a risultati errati quando si usano foto scattate in maniera non perfettamente verticale:

Lterrain2.jpg Freccia blu: direzione della macchina fotografica.

In questi casi per ottenere il profilo si consiglia di ricalcare unicamente la forma del tetto:

Lterrain3.jpg

Dopo il ricalco spostiamo il profilo finché l'edificio è in posizione corretta rispetto alla strada.

In caso di edifici autonomi senza rapporto con la strada si possono diminuire eventuali errori di ubicazione spostando il profilo a cavallo della mezzeria dello spazio tra i punti visibili più alto e più basso.

Lterrain4.jpg

Ricalco di edifici da ortofoto a bassa risoluzione

Se come sfondo in OSM sono disponibili solo ortofoto che offrono un dettaglio grossolano, il ricalco degli edifici è difficile, poichè la dimensione degli edifici corrisponde quasi alla dimensione del puntatore degli strumenti di disegno. La difficoltà principale, quando si vuole ricalcare in maniera precisa, è che, a bassa scala, la rappresentazione grafica degli strumenti e dei nodi è troppo grossa rispetto all'oggetto. Il modo di procedere qui descritto aggira questo problema nel caso di edifici ad angoli retti. La tecnica di lavoro è lenta e dispendiosa, ma offre tuttavia dei risultati relativamente buoni.

Mareksmallb1.jpg - Viene ricalcato l'edificio al centro a forma di L.

Come primo passo, viene disegnata una lunga linea di costruzione, parallela alla parete più lunga visibile dell'edificio. Tale linea dovrebbe essere più lunga dell'edificio, per permettere la migliore stima dell'orientamento dell'edificio.

Mareksmallb2.jpg

Viene disegnata una seconda linea di costruzione, parallela alla prima (in Potlatch2, tasto "P")

Mareksmallb3.jpg

Viene disegnata una linea, perpendicolare alle due linee precedentemente disegnate, che ne congiunge le estremità.

Mareksmallb4.jpg

Con lo strumento "create parallel way" vengono disegnate altre linee sugli spigoli dell'edificio, parallele alle due linee precedentemente disegnate.

Mareksmallb5.jpg

Nel mezzo, vengono disegnate delle linee di costruzione lunghe aggiuntive:

Mareksmallb6.jpg

Vengono aggiunti dei nodi nei punti di intersezione. Poichè, per un difetto di Potlatch, i nodi che aggiungiamo vengono inseriti in posizione leggermente spostata, dobbiamo usare lo strumento "straighten way" per raddrizzare le linee, una dopo l'altra:

Mareksmallb7.jpg

Mareksmallb8.jpg

Mareksmallb9.jpg

Dopo che tutte le linee sono state raddrizzate, possiamo cominciare col il ricalco del contorno dell'edificio:

Mareksmallb10.jpg

Mareksmallb11.jpg

Mareksmallb12.jpg

Risultato del lavoro:

Mareksmallb13.jpg

Correzione della distorsione prospettica

Sugli edifici delle ortofoto riprese da bassa quota (che offrono generalmente una migliore risoluzione) sono spesso osservabile delle distorsioni prospettiche. A causa di ciò, il contorno ricalcato correttamente all'altezza del tetto è più ampio della pianta dell'edificio.

A prima vista l'effetto è poco visibile:

MarekPerspKonstr1.jpg

Solo dopo avere tracciato gli spigoli verticali l'effetto prospettico (rimpicciolimento della pianta) diventa evidente:

MarekPerspKonstr2.jpg MarekPerspKonstr3.jpg

Poichè il contorno del tetto e la pianta dell'edificio sono affini , è possibile utilizzare lo strumento "create parallel way" per ricavare una pianta corretta.

MarekPerspKonstr4.jpg MarekPerspKonstr5.jpg


Procedura pratica:

  • Ricalcare il contorno del tetto

MarekPersp1.jpg

  • Spostare il contorno del tetto a livello del contorno di base.
  • Posizionare correttamente sulla ortofoto un angolo del contorno (in questa foto, l'angolo inferiore sinistro del poligono disegnato).
  • Tracciare una linea retta di costruzione parallelamente allo spigolo (in questa immagine di esempio, lo spigolo destro) dell'edificio visibile sulla ortofoto:

MarekPersp2.jpg

Il poligono del contorno tracciato viene rimpicciolito usando lo strumento "create parallel way":

MarekPersp3.jpg

Per rendere il rimpicciolimento necessario ben visibile, è possibile aumentare fortemente l'ingrandimento dell'immagine.

(La linea di costruzione temporanea è pensata proprio per tale scopo, perchè a livelli di zoom elevati la ortofoto usata per la costruzione scompare).

  • Il nuovo spigolo disegnato (il destro in figura) del poligono copiato deve stare a metà strada tra la linea di costruzione ed il poligono originale.

MarekPersp4.jpg

  • Cancellare il poligono originale e la linea di costruzione, spostare il nuovo poligno del contorno nella posizione corretta (allinearlo con i vertici di base visibili nell'ortofoto).


Risultato:

MarekPersp5.jpg

Porre attenzione che il trucco descritto ottiene solo una approssimazione. La tecnica funziona tanto meglio quanto più l'edificio è a pianta quadrata. Tanto più l'edificio è allungato, tanto maggiore è la distorsione della dimensione dell'edificio. Risultati assolutamente precisi si ottengono solo usando la Proiezione centrale.

MarekPerspKonstr6.jpg

Correzione di foto non correttamente giuntate

Nella scelta dell'angolatura di ripresa per le parti componenti le ortofoto di Bing, evidentemente la visibilità delle strade ha avuto la priorità. Per ottenere ciò, è stato necessario giuntare porzioni di ortofoto ottenute con diversi angoli di ripresa. Pertanto capita che in alcune aree delle ortofoto Bing il tetto di un edificio sia composto da porzioni di ortofoto non coerenti:

Marekklejenie1.jpg

Fortunatamente le riprese sono effettuate da grande distanza, e perlopiù il livello del terreno è correttamente rettificato, pertanto possiamo ritenere di avere a che fare con una proiezione parallela. Pertanto è possibile modellare singolarmente le singole porzioni di tetto e giuntarle a livello del terreno.

Fasi della procedura:

  • Riprodurre con delle linee di costruzione le prime porzioni di tetto.

Marekklejenie2.jpg

  • Spostare le linee di costruzione a livello del terreno.

Marekklejenie3.jpg

  • Riprodurre con delle linee di costruzione le seconde porzioni di tetto.

Marekklejenie4.jpg

  • Spostare il secondo gruppo di linee di costruzione a livello del terreno.

Osserviamo che i due gruppi di linee di costruzione si sovrappongono. Pertanto possiamo combinarli in una superficie

Marekklejenie5.jpg

Risultato:

Marekklejenie6.jpg

Ricalco di grosse aree edificate utilizzando un reticolo

MarekDuzyObszarNaRastrze1.jpg Mappa OSM attuale - disegnata senza l'ausilio di linee di costruzione.


Gli urbanisti durante la fase di progettazione utilizzano spesso un reticolo di costruzione, per agevolare la pianificazione e l'esecuzione di grossi progetti costruttivi. La ricostruzione delle intenzioni del progettista tramite la ricostruzione del reticolo di costruzione principale semplifica la tracciatura non solo degli edifici, ma anche delle vie e dei posteggi. In tal modo si evita l'imprecisione che nasce inevitabilmente quando si lavora solamente con linee corte. Le piante ricalcate usando il reticolo hanno anche un aspetto più professionale, poichè anche minime irregolarità nel parallelismo delle linee sarebbero visibili ad occhio nudo (molti sono in grado di distinguere deviazioni anche di 0,5°!).

Gli edifici erano e sono spesso costruiti lungo una retta parallela all'asse stradale; tale fatto può agevolare la tracciatura di edifici multipli.

Nota: Sebbene molti piani urbanistici si basino su un reticolo, esistono ovviamente anche delle eccezioni, e spesso anche se il piano si basa su un reticolo di base, questo viene tuttavia variato o modificato. Queste deviazioni dal piano nascono o come scelte progettuali consapevoli o dall'interazione con caratteristiche topologiche come per esempio i corsi dei fiumi e gli avvallamenti del terreno (orografia). Quando utilizzando il metodo qui descritto risulta evidente che il reticolo è stato distorto o modificato, allora bisogna rinunciare al suo uso, senza cercare ciononostante di imporre un reticolo preciso, accettando invece intenzionalmente le variazioni suggerite dalla realtà fattuale.


MarekDuzyObszarNaRastrze2.jpg Fase iniziale della costruzione: identificazione dell'asse di costruzione. Quanto più è lungo, tanto più è affidabile.

MarekDuzyObszarNaRastrze3.jpg L'asse viene riprodotto in posizioni costruttivamente importanti (vie, spigoli degli edifici).

MarekDuzyObszarNaRastrze4.jpg Similmente, vengono tracciate delle linee di costruzione perpendicolari all'asse di costruzione.

MarekDuzyObszarNaRastrze5.jpg Ingrandendo si notano tutte le imprecisioni.

MarekDuzyObszarNaRastrze6.jpg Queste vengono corrette una dopo l'altra.

MarekDuzyObszarNaRastrze8.jpg Mappa prima della correzione


Risultato dopo la correzione.

Nell'angolo superiore sinistro della figura si vede un edificio con pianta a croce. Anche questo edificio lo si è potuto disegnare con precisione grazie ad una rotazione di 45° del reticolo di costruzione.

MarekDuzyObszarNaRastrze9.jpg

Utilizzo di linee del reticolo con punti ausiliari

La tecnica descritta al punto precedente è faticosa, poichè in ciascuna posizione in cui due linee di costruzione si intersecano è necessario o fissare manualmente un punto ausiliario, oppure cercare usando forti ingrandimenti di incrociare approssimativamente il il punto di intersezione di entrambe le rette. Pertanto è molto più comodo, dopo avere costruito tutte le linee che corrono in una direzione, tracciare la prima linea di costruzione orientata ad angolo retto rispetto alle linee tracciate in maniera tale che in TUTTI i punti abbia un punto di intersezione con le linee precedenti. Riproducendo questa linea otteniamo immediatamente i punti ausiliari in tutti i punti di intersezione delle rette.

Poichè il principio è autoesplicativo, e pure molto simile al punto precedente, tralasciamo la descrizione dettagliata delle figure.

MarekBardzoSkomplikowanyRzut1.jpg Situazione iniziale.

MarekBardzoSkomplikowanyRzut2.jpg Prima linea di costruzione.

MarekBardzoSkomplikowanyRzut3.jpg Ultima linea di costruzione.

MarekBardzoSkomplikowanyRzut4.jpg Iniziamo con la prima linea di costruzione PERPENDICOLARE

MarekBardzoSkomplikowanyRzut5.jpg Linea PERPENDICOLARE di costruzione completata

MarekBardzoSkomplikowanyRzut6.jpg

MarekBardzoSkomplikowanyRzut7.jpg

MarekBardzoSkomplikowanyRzut8.jpg

MarekBardzoSkomplikowanyRzut9.jpg

MarekBardzoSkomplikowanyRzut10.jpg Tracciatura completata.

MarekBardzoSkomplikowanyRzut11.jpg Rendering completato.