IT:Relation:multipolygon

From OpenStreetMap Wiki
Jump to: navigation, search
Lingue disponibili — Relation:multipolygon
· Afrikaans · Alemannisch · aragonés · asturianu · azərbaycanca · Bahasa Indonesia · Bahasa Melayu · Bân-lâm-gú · Basa Jawa · Basa Sunda · Baso Minangkabau · bosanski · brezhoneg · català · čeština · corsu · dansk · Deutsch · eesti · English · español · Esperanto · estremeñu · euskara · français · Frysk · Gaeilge · Gàidhlig · galego · Hausa · hrvatski · Igbo · interlingua · Interlingue · isiXhosa · isiZulu · íslenska · italiano · Kiswahili · Kreyòl ayisyen · kréyòl gwadloupéyen · Kurdî · latviešu · Lëtzebuergesch · lietuvių · magyar · Malagasy · Malti · Nederlands · Nedersaksies · norsk bokmål · norsk nynorsk · occitan · Oromoo · oʻzbekcha/ўзбекча · Plattdüütsch · polski · português · română · shqip · slovenčina · slovenščina · Soomaaliga · suomi · svenska · Tagalog · Tiếng Việt · Türkçe · Vahcuengh · vèneto · Wolof · Yorùbá · Zazaki · српски / srpski · беларуская · български · қазақша · македонски · монгол · русский · тоҷикӣ · українська · Ελληνικά · Հայերեն · ქართული · नेपाली · मराठी · हिन्दी · भोजपुरी · অসমীয়া · বাংলা · ਪੰਜਾਬੀ · ગુજરાતી · ଓଡ଼ିଆ · தமிழ் · తెలుగు · ಕನ್ನಡ · മലയാളം · සිංහල · བོད་ཡིག · ไทย · မြန်မာဘာသာ · ລາວ · ភាសាខ្មែរ · ⵜⴰⵎⴰⵣⵉⵖⵜ ⵜⴰⵏⴰⵡⴰⵢⵜ‎ · አማርኛ · 한국어 · 日本語 · 中文(简体)‎ · 中文(繁體)‎ · 吴语 · 粵語 · ייִדיש · עברית · اردو · العربية · پښتو · سنڌي · فارسی · ދިވެހިބަސް
Public-images-osm logo.svg multipolygon
Multipolygon Illustration 6.svg
Descrizione
La relazione multipolygon si usa per rappresentare aree complesse.
Gruppo: Properties
Membri

  • Way - outer
  • Way - inner
Wikidata
Wikidata-logo.svgSearch WikidataAiuta a tradurre questo in italiano!
Stato: Approvato

Le relazioni di tipo multipolygon (multipoligono) sono usate per rappresentare aree complesse.

In OSM le aree semplici vengono mappate tramite un percorso chiuso etichettato con qualcosa che faccia pensare ad una superficie invece che ad una linea chiusa. Per esempio, un percorso circolare etichettato con "landuse=forest" verrà interpretato come un'area, lo stesso percorso etichettato con "junction=roundabout" invece no.

Tuttavia, questo schema funziona solamente per aree prive di buchi, e il cui contorno è costituito da un solo percorso. Qualsiasi area più complessa (per esempio perché il contorno è composto da più percorsi concatenati, o perché ha dei fori, o perchè l'area è costituita da più parti disgiunte) richiede una relazione multipolygon.

Si raccomanda di usare type=multipolygon (e non type=boundary) anche per le relazioni che descrivono i confini, così che le applicazioni possano usare le regole per la costruzione delle aree (come la concatenazione di percorsi esterni per formare gli anelli, l'esclusione delle enclavi, ecc.). Una relazione che descrive i confini si riconosce facilmente dall'etichetta boundary=*, non è necessario usare type=boundary.

In sintesi, una relazione multipolygon può avere come membri un qualunque numero di percorsi con ruolo outer (il contorno esterno) e un qualunque numero di percorsi con ruolo inner (i buchi), purchè formino degli anelli validi per la costruzione di un multipoligono.

Etichette

Chiave Valore Spiegazione
type multipolygon Istruisce le applicazioni affinché applichino ai membri le regole di costruzione delle aree.

Membri

Percorso o nodo Ruolo Quantità Spiegazione
Way outer uno o più I percorsi che costituiscono l'anello esterno (o gli anelli esterni) dell'area.
Way inner zero o più I percorsi che costituiscono l'anello interno (o gli anelli interni) dell'area.
Way nessuno Nella maggioranza dei casi una relazione può venire interpretata correttamente anche senza specificare i ruoli inner e outer. Tuttavia si raccomanda di specificare i ruoli per aiutare gli altri mappatori a comprendere la relazione.

Modo d'uso

I multipoligoni andrebbero usati come segue:

  • Le etichette che descrivono il multipoligono (ad esempio landuse=forest) devono essere applicate alla relazione. I percorsi che costituiscono il contorno esterno (o i contorni esterni) devono essere lasciati non etichettati, a meno che non descrivano di per se stessi qualche cosa. Per esempio, una foresta può essere delimitata da delle strade, ciascuna delle quali avrà pertanto la sua etichetta di tipo "highway", e nello stesso tempo sarà membro della relazione multipoligono della foresta con il ruolo "outer".
  • Se il bordo esterno della superficie in questione è costituito da un solo percorso chiuso, ed esso non descrive di per se stesso qualche cosa, allora si potrebbe mettere le etichette descrittive su di esso invece che sulla relazione. Ma se il bordo esterno è composto da più percorsi (vedi gli esempi più sotto) questo non ha più senso. Pertanto si suggerisce (per coerenza) di mettere le etichette del multipoligono sempre sulla relazione.
  • Se l'anello interno (membro della relazione con ruolo "inner") costituisce di per se stesso qualche cosa (ad esempio un lago contenuto in una foresta), allora l'anello interno può essere etichettato come tale.
  • Altrimenti i percorsi degli anelli interni devono restare privi di etichette.
  • La direzione dei percorsi è ininfluente.
  • L'ordine dei membri nella relazione è ininfluente (tuttavia, liste i cui membri sono ordinati in maniera appropriata aiutano i redattori a verificarne la completezza).
  • In generale, la relazione multipolygon può essere usata per costruire poligoni complessi in accordo con lo standard "OGC Simple Feature Standard". Tutto ciò che non è un multipoligono valido secondo tale standard (ad esempio poligoni con percorsi che si intersecano) dovrebbe essere considerato non valido anche nella relazione multipolygon. Fanno eccezione gli anelli interni che si toccano (vedi sotto).

Esempi

Un anello esterno e un anello interno

La vecchia versione di relazione multipolygon, molto usata, permetteva di avere un solo anello esterno e un numero qualunque di anelli interni. Inoltre, ogni anello doveva consistere di un singolo percorso chiuso. Questo tipo di poligono (non si tratta strettamente di un multipoligono, piuttosto di un poligono con più percorsi) è naturalmente ancora supportato, ma a causa dell'allentamento delle regole è diventato un caso particolare della più generica relazione multipolygon.
<relation id="1">
  <tag k="type" v="multipolygon" />
  <member type="way" id="1" role="outer" />
  <member type="way" id="2" role="inner" />
</relation>
Figura 1: Un anello esterno e un anello interno

Un anello esterno e due anelli interni

<relation id="1">
  <tag k="type" v="multipolygon" />
  <member type="way" id="1" role="outer" />
  <member type="way" id="2" role="inner" />
  <member type="way" id="3" role="inner" />
</relation>
Figure 2: Un anello esterno e due anelli interni

Anello formato da più percorsi

Lo schema dei multipoligoni avanzati permette che ogni anello interno o esterno sia costituito da più di un percorso. Questo è utile per i multipoligoni che coprono aree molto vaste, nel cui caso sarebbe poco pratico usare un solo percorso per il perimetro. Ha senso anche per i multipoligoni che descrivono aree il cui perimetro non può essere costruito con un solo percorso (ad esempio, i poligoni dei confini):
<relation id="1">
  <tag k="type" v="multipolygon" />
  <member type="way" id="1" role="outer" />
  <member type="way" id="2" role="outer" />
  <member type="way" id="3" role="inner" />
</relation>
Figure 3: Anello formato da più percorsi

Due anelli esterni disgiunti

Diversamente dai multipoligoni vecchio stile, la relazione multipolygon permette un numero arbitrario di anelli esterni, così da poter rappresentare un vero multipoligono:
<relation id="1">
  <tag k="type" v="multipolygon" />
  <member type="way" id="1" role="outer" />
  <member type="way" id="2" role="outer" />
</relation>
Figure 4: Due anelli esterni disgiunti

Anelli esterni disgiunti e un anello interno formato da più percorsi

Anche gli anelli interni possono essere costituiti da più percorsi:
<relation id="1">
  <tag k="type" v="multipolygon" />
  <member type="way" id="1" role="outer" />
  <member type="way" id="2" role="inner" />
  <member type="way" id="3" role="inner" />
  <member type="way" id="4" role="outer" />
  <member type="way" id="5" role="inner" />
</relation>
Figure 5: Anelli esterni disgiunti e un anello interno formato da più percorsi

Combinazione complessa di tutte le possibilità

Questo esempio mostra una combinazione complessa di tutte le possibilità: tre anelli esterni, di cui uno con un anello interno ed un altro con tre anelli interni, inoltre molti anelli sono costituiti da più di un percorso.
<relation id="1">
  <tag k="type" v="multipolygon" />
  <member type="way" id="1" role="outer" />
  <member type="way" id="2" role="outer" />
  <member type="way" id="3" role="outer" />
  <member type="way" id="4" role="outer" />
  <member type="way" id="5" role="inner" />
  <member type="way" id="6" role="inner" />
  <member type="way" id="7" role="inner" />
  <member type="way" id="8" role="inner" />
  <member type="way" id="9" role="inner" />
  <member type="way" id="10" role="inner" />
  <member type="way" id="11" role="inner" />
  <member type="way" id="12" role="outer" />
  <member type="way" id="13" role="outer" />
  <member type="way" id="14" role="outer" />
  <member type="way" id="15" role="outer" />
  <member type="way" id="16" role="inner" />
  <member type="way" id="17" role="inner" />
  <member type="way" id="18" role="inner" />
  <member type="way" id="19" role="inner" />
  <member type="way" id="20" role="outer" />
</relation>
Figure 6: Combinazione complessa di tutte le possibilità

Isola all'interno di un foro

Poichè è ammesso avere più anelli esterni, è possibile creare agevolmente delle "isole" all'interno di un foro:
<relation id="1">
  <tag k="type" v="multipolygon" />
  <member type="way" id="1" role="outer" />
  <member type="way" id="2" role="inner" />
  <member type="way" id="3" role="outer" />
</relation>

Una caratteristica di questo tipo in precedenza avrebbe richiesto due relazioni multipolygon, una con il percorso 1 esterno ed il percorso 2 interno, e un'altra con il percorso 2 esterno ed il percorso 3 interno. Questa "cascata" è ancora raccomandabile quando l'"isola" al centro rappresenta qualcosa di diverso dall'area esterna. In caso contrario, si può semplicemente fare un foro nel foro.

Figure 7: Isola all'interno di un foro

Anelli interni che si toccano

Alcuni cartografi usano la relazione multipolygon attuale per raggruppare anelli interni od esterni che si toccano:
<relation id="1">
  <tag k="type" v="multipolygon" />
  <member type="way" id="1" role="outer" />
  <member type="way" id="2" role="inner" />
  <member type="way" id="3" role="inner" />
</relation>

Questo esempio mostra una foresta con una radura, occupate per metà da un lago e per metà da area agricola. In OSM, il cartografo può semplicemente disegnare i perimetri dei tre oggetti (foresta, lago, area agricola). Nella normativa "OGC Simple Feature Standard" questa possibilità non è prevista, gli anelli interni che si toccano non sono supportati. Sarebbe invece necessario disegnare dapprima un foro nella foresta, e poi all'interno di questo foro disegnare singolarmente i poligoni per il lago e per l'area agricola.

Figure 8: Anelli interni che si toccano

Fori in fori (in fori...)

Si possono avere anche dei fori nei fori di un multipoligono. Per esempio una foresta con una radura, e un boschetto al centro della radura.
Esempio non disponibile.

Secondo la normativa "OGC Simple Feature Standard", questa struttura si realizza con un'alternanza di anelli esterni ed interni. Nel nostro esempio, i perimetri della foresta e del boschetto sono anelli esterni, mentre la radura è un anello interno. Questo può in teoria continuare a piacere, ma si suggerisce di limitare la complessità nell'interesse degli altri cartografi. I fori nei fori potrebbero non essere supportati da tutti gli editor o renderer.

Figura non disponibile.

Esempi

Per esempi, vedi IT:Relation:multipolygon/Examples e IT:Multipolygon_Examples.

Etichettatura

  • Si suggerisce di aggiungere tutte le etichette che descrivono un'area alla relazione, e non ai percorsi. In molti casi ne risulteranno percorsi completamente privi di etichette.
  • Per mantenere la compatibilità:
    • Lo stile di raffigurazione viene ricavato dall'etichettatura della relazione stessa.
    • Se la relazione è priva di etichettatura viene utilizzato lo stile di raffigurazione del percorso esterno.
    • Se gli stili del percorso esterno non corrispondono a quelli della relazione, o se non è specificato alcuno stile, viene considerato un errore.
    • l'etichettatura dei percorsi interni specifica la rappresentazione degli anelli interni. Qualora lo stile di rappresentazione dei percorsi interni coincida con quello dei percorsi esterni (vecchio metodo) si procede come se lo stile dei percorsi interni non fosse stato specificato.

Dettagli sull'etichettatura

Per i problemi che si possono presentare in vari casi vengono suggerite le seguenti soluzioni:

  • Esiste più di un percorso esterno:
    La relazione è etichettata
    valgono le etichette della relazione. Le etichette sui percorsi vengono ignorate.
    La relazione non è etichettata, ma uno o più dei percorsi che formano il contorno esterno hanno etichette identiche e valide
    le etichette dei percorsi esterni etichettati vengono applicate all'intero contorno esterno.
    La relazione non è etichettata, e i percorsi esterni hanno etichettature differenti
    questa situazione crea problemi e l'interpretazione non è univocamente definita.
  • Esiste più di un percorso interno:
    Un percorso chiuso (che può essere costituito da uno o più segmenti) non ha etichette, ma un altro è etichettato
    il percorso chiuso non etichettato viene rappresentato come un foro, il percorso etichettato viene rappresentato conformemente alle sue etichette.
    Più percorsi chiusi con etichette diverse.
    ogni foro viene rappresentato conformemente alle sue etichette.
    Un percorso chiuso (costituito da due o più segmenti), in cui i vari segmenti hanno etichette diverse
    se tutti i segmenti hanno le stesse etichette oppure ne sono completamente privi, semplicemente vengono usate le etichette dei segmenti etichettati. Se i vari segmenti hanno etichette diverse, l'interpretazione non è univocamente definita (analogamente al caso dei percorsi esterni).

Rendering

  • JOSM è capace di disegnare i multipoligoni avanzati a partire dalla versione 1203
  • Osmarender (T@H) supporta i multipoligoni avanzati.
  • La configurazione di rendering di Mapnik usata per OpenStreetMap supporta i multipoligoni avanzati in larga misura.
  • mkgmap supporta i multipoligoni avanzati a partire dalla versione 1497
  • Esiste un algoritmo suggerito per processare i multipoligoni.

Esempio Potlaych 2

Qui c'è una radura in mezzo a un bosco:
Esempio multipoligono in Potlatch 2 - prima

Fai clic sulla way esterna (outer):
Esempio multipoligono in Potlatch 2 - dopo aver cliccato sulla way outer

Control + Clic sulla way interna (inner):
Esempio multipoligono in Potlatch 2 - dopo aver fatto control + clic sulla way inner

Nota come sia comparsa l'icona "ciambella" nella toolbox:
Esempio multipoligono in Potlatch 2 - compare l'icona a ciambella

Fai clic:
Esempio multipoligono in Potlatch 2 - clicca l'icona

Per vedere i tag che sono stati aggiunti clicca su "Advanced":
Esempio multipoligono in Potlatch 2 - clic su Advanced

Il multipoligono è stato creato:
Esempio multipoligono in Potlatch 2 - multipoligono

Esempio Potlatch 1

Avvertenza per Potlatch 1

In Potlatch 1, bisogna assicurarsi che i ruoli per la relazione mutipoligono siano assegnati come tali ai membri della relazione, e non come etichette. Quando si è nella modalità "edit", seleziona il membro della relazione e inserisci "inner" o "outer" nel rettangolo nella stessa linea in cui è scritto "multipolygon".


Strumenti di aiuto